mercoledì 30 settembre 2015

Recensione: World After. L'oscurità di Susan Ee

Titolo: World After. L'oscurità
Penryn & the End of Days #2
Autore: Susan Ee
Editore: Fanucci
Pagine: 303
Prezzo ed. cartacea: 12,90€
Prezzo ebook: 6,99€
Data di pubblicazione: 11 giugno 2015

Penryn & the End of Days:
#1 Angelfall. L'angelo caduto 2013
#2 World After. L'oscurità
#3 End of Days. 

Trama:
Gli angeli hanno scatenato l’apocalisse sulla terra, la loro furia è inarrestabile e non lascia scampo. Agli esseri umani non resta che decidere se rassegnarsi a un’esistenza da esuli o ribellarsi a una supremazia che non conosce limiti. Tra le macerie di San Francisco, Penryn lotta per sopravvivere insieme a sua madre e alla sorella Paige. È disposta a tutto pur di difendere le loro vite, eppure si scopre impotente quando sua sorella le viene strappata con la forza, scambiata per una creatura mostruosa da coloro che dovrebbero proteggerla. Penryn percorre le strade deserte di una città irriconoscibile sulle tracce della piccola scomparsa nel nulla, un viaggio disperato che la metterà di fronte alla crudele ambizione degli angeli e ai loro piani di distruzione: in gioco non c’è solo la salvezza della sua famiglia, ma il futuro stesso del genere umano. Solo Raffe può aiutarla, ma l’arcangelo è alla ricerca delle sue ali, senza le quali non può rivendicare il posto che gli spetta tra i suoi simili, e dovrà scegliere se salvare sé stesso o la vita di Penryn. Una storia oscura e affascinante, tornano Penryn e Raffe nel sequel di L’angelo caduto.

Sull'autrice:
Susan Ee è l'autrice della trilogia Penryn & the End of Days, i cui libri sono stati tradotti in più di venti lingue ed i suoi cortometraggi sono stati trasmessi nei maggiori festival. Avvocato d'origine, è diventata una scrittrice perchè questo permette a lei e alla sua immaginazione di esprimersi meglio. 
Per approfondimenti: www.susanee.com o su Twiitter Susan_Ee



Recensione:
Se il primo romanzo della trilogia Penryn & the End of Days mi aveva lasciato qualche perplessità, questo nuovo capitolo della saga ha ripagato appieno ogni mia aspettativa (e se non fosse stato per esami vari, l'avrei finito d'un fiato e questa recensione sarebbe arrivata molto tempo prima).


"Il vento di ottobre mi si insinua nella blusa e non riesco a fare a meno di alzare lo sguardo verso il cielo coperto in cerca di un angelo particolare con le ali a forma di pipistrello e un melenso senso dell’umorismo."

La storia riprende da dove era stata lasciata, senza sbalzi temporali o di luogo. Gli eventi continuano a susseguirsi incalzanti, con imprevisti e situazioni inaspettate, ma anche con una chiara linea di fondo che emerge lungo tutta la narrazione: la famiglia. Tutto ciò che la protagonista compie, le sue scelte, le sue azioni, ogni cosa può essere riportata al desiderio di riuscire a riunirla con sua madre e con la sorellina Paige. Con tutte le difficoltà non solo dettate dai pericoli che dominano nella Terra, ma anche dovendo imparare ad accettare la nuova Paige. 
Ho adorato, ancora, i personaggi di Penryn e Raffe, presi da soli, presi insieme (cioè, insieme, sono qualcosa di stupendo *_*), ho rivalutato la figura di Beliel e son morta dal ridere con i gemelli. Tutto di loro si scopre attraverso l'evolversi degli eventi o il ricordo del passato e nulla sembra esser lasciato al caso. Ognuno di loro viene descritto attraverso pregi e difetti, che vengono evidenziati in egual modo, riuscendo a renderli speciali e credibili. 
Molto particolare l'evoluzione del rapporto tra Penryn e Raffe, la difficoltà a voler accettare ciò che li lega, vittime della loro diversa natura, della paura per quello che potrebbe accadere, dell'incertezza stessa della vita in un mondo dove sembra dominare il dolore e la sofferenza, dove tutto è nelle mani di creature che sembrano volerlo distruggere. 

«Regole. Usanze. Pericolo. È rischioso stare con me.»
«E’ rischioso stare senza di te.»


Stupenda anche la "caratterizzazione" delle spade angeliche, il loro non essere solo delle armi, ma il racchiudere al loro interno un'anima capace di legarsi con il rispettivo possessore, potendo comunicare con lui e anche decidere da chi farsi impugnare, avendo pensieri e sentimenti.
Lo stile dell'autrice si riconferma scorrevole e coinvolgente. Alla fine del libro non si può fare a meno di desiderare di andare avanti e di scoprire come la storia giungerà a termine.

Valutazione:

Cover Look:
Le cover di questo secondo romanzo di Susan Ee sono molte. La prima, quella turca, la trovo molto cupa, cosa che richiama in fondo l'evolversi degli eventi, ma il dettaglio dell'ala lo trovo più indicato per il primo capitolo quasi, rispetto al secondo.  La seconda, quella olandese, mi ha colpito invece per la presenza della spada, seppure la scelta del titolo e il font non mi fanno impazzire. Della terza, francese, adoro il font del titolo sotto il disegno e la delicatezza generale dell'insieme. La mia preferita rimane quella originale, per le ali che richiamano quelle di Raffe e le sfumature del blu.

Voi cosa ne pensate di questo libro?
L'avete letto?
E quale cover preferite?

4 commenti:

  1. Devo essere sincera: a me non è piaciuto. Nè questo, nè il primo.
    Forse non ho capito io qualcosa, forse li ho letti in periodi sbagliati, non lo so. So che non solo ho fatto fatica a finire il primo, ma cercando di dare una possibilità al secondo mi sono trovata a non aver voglia di leggere nessun altro libro per qualche giorno perché è stata un'esperienza davvero noiosa.
    Vista la recensione super positiva qui sopra, direi che probabilmente c'è qualcosa dei due libri che non ho ben afferrato e forse proverò a rileggerli...non mi piace avere un ricordo tanto negativo di un autore! ><''

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' brutto quando succede di trovare libri che non prendono é_è soprattutto se hanno poi conseguenze così grandi da non farti trovare poi una nuova lettura ç.ç Io questi libri li avevo in programma da un po', ma è passato davvero un sacco di tempo prima che riuscissi a prenderli in mano.
      Se proverai a rileggerli, non darti aspettative, magari semplicemente i gusti sono diversi, ma capisco la sensazione di non voler avere brutti ricordi su alcuni autori e.e

      Elimina
  2. Sono felice che ti sia piaciuto *____*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantissimo *___* mi dispiace non aver ancora iniziato il seguito, ma spero di farcela nei prossimi giorni *__*

      Elimina